tecnici rai  e servizio elettrico nazionale

Canone Rai in bolletta
 

F.A.Q.
 

Qual’è l’importo del canone?

Per il 2016 il canone annuo ordinario è di 100 euro.

Come si paga il canone?

Il canone si paga in bolletta, quella della luce.
 
L’importo di 100 euro lo paghi in 10 rate mensili, da gennaio a ottobre.


 
Nel 2016 pagherai la prima rata nella prima bolletta che riceverai dopo il 1° luglio e comprenderà la somma di tutte le rate scadute fino a quel momento.



 
In fattura, troverai una voce specifica che indica l'importo relativo alle rate del canone.

Ho due case, quanto devo pagare di canone?

Il canone si paga una volta sola, viene addebitato nella bolletta della casa dove si ha la residenza.

Non ho la TV, come faccio per non avere l'addebito in bolletta?

Devi presentare una dichiarazione alla Direzione Provinciale I di Torino dell’Agenzia delle Entrate.
La modulistica e le istruzioni per la compilazione sono disponibili nel sito dell’Agenzia delle Entrate, alla pagina dedicata a “Modelli e Istruzioni - Canone TV” e va presentata entro il 16 maggio 2016. Se vuoi scaricare le istruzioni e i modelli di esenzione Canone TV, clicca qui.


 
La dichiarazione è valida solo per l’anno in cui la presenti, ricordati di ripresentarla ogni anno.


 
Se hai bisogno di maggiori informazioni, puoi consultare il sito della Rai o quello dell'Agenzia delle Entrate.


Chi è esente dal pagamento del canone Rai?

Per conoscere quali sono le categorie esenti dal pagamento del canone, vai al sito dell’Agenzia delle entrate, alla pagina Canone TV – Casi particolari di esonero.

Che cosa si intende per apparecchio televisivo?

Si intende un apparecchio in grado di ricevere, decodificare e visualizzare il segnale digitale terrestre o satellitare, direttamente o tramite decoder o sintonizzatore esterno.
Per sintonizzatore si intende un dispositivo, interno o esterno, idoneo ad operare nelle bande di frequenza destinate al servizio televisivo secondo almeno uno degli standard previsti nel sistema italiano per poter ricevere il relativo segnale TV.
Non costituiscono quindi apparecchi televisivi computer, smartphone, tablet ed ogni altro dispositivo se privi del sintonizzatore per il segnale digitale terrestre o satellitare.

Gli uffici e le caserme pagano il canone?

No, il canone si paga esclusivamente nella bolletta della casa in cui si ha la residenza anagrafica.

Si paga il canone anche nelle bollette della luce del condominio?

No, il canone si paga esclusivamente nella bolletta della casa in cui si ha la residenza anagrafica.

Posso disdire l’abbonamento Rai?

No, dal 2016, non si può disdire l’abbonamento Rai richiedendo il sigillo agli apparecchi televisivi.


Chi paga il canone, l’inquilino o il padrone di casa?

Lo paga in bolletta l'intestatario dell'utenza che ha la residenza nella casa, indipendentemente se è inquilino o proprietario.

Per avere informazioni su questo tema, consulta il sito della Rai.


Che succede se pago solo gli importi della bolletta della luce e non quelli del canone Rai?


Servizio Elettrico Nazionale continuerà a fornire il servizio di erogazione della luce.

Abbiamo più di una TV in casa, devo pagare il canone per ognuna?

No, il canone si paga una volta sola per famiglia anagrafica e comprende tutti gli apparecchi che hai in casa.  

Cosa si intende per famiglia anagrafica?

Per famiglia anagrafica si intende un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela oppure un insieme di persone legate da vincoli di affinità o di affetto, che coabitino o abbiano dimora abituale (cioè residenza) nello stesso Comune; una famiglia anagrafica può essere costituita da una sola persona.

La definizione è contenuta nell'art. 4 del PDR 30 maggio, 1989, n.232

Condivido la casa con altre due persone, ma abbiamo un'unica TV. Chi deve pagare il canone?

Lo paga in bolletta l'intestatario dell'utenza che ha la residenza nella casa.

Per avere informazioni su questo tema, consulta il sito della Rai.

Prima, il canone era a nome di mia moglie, che lo pagava col bollettino. La bolletta della luce, invece, è intestata a me. Chi deve pagare il canone?

Il canone viene addebitato sulla bolletta della luce della casa dove si ha la residenza.
Se moglie e marito appartengono alla stessa famiglia anagrafica, si deve pagare una volta sola. Lo sportello SAT dell’Agenzia delle Entrate provvederà a fare la voltura e l'intestatario diventerà il marito.

Per maggiori chiarimenti su questi temi  puoi consultare il sito della RAI e dell’Agenzia delle Entrate

 

Servizio Elettrico Nazionale ha informazioni sullo status dei suoi consumatori? Sa se due persone sono effettivamente marito e moglie, oppure padre e figlio?

No, Servizio Elettrico Nazionale registra soltanto la condizione di residente o non residente, secondo quanto indicato dai propri clienti. Per attivare una fornitura elettrica, non c'è bisogno di dichiarare alcuna relazione di parentela.

In famiglia, siamo titolari di più contratti di energia elettrica come residenti. Quante volte dobbiamo pagare il canone?

Ogni famiglia anagrafica deve pagare il canone una volta sola e bisogna comunicare allo sportello dell'Agenzia delle entrate SAT su quale fattura elettrica deve essere addebitato, compilando il Quadro B del modello di dichiarazione sostitutiva.
Puoi scaricare il modello sui siti www.agenziaentrate.gov.it e www.canone.rai.it.

La dichiarazione si presenta una volta sola.

Se nel corso del tempo avvengono dei cambiamenti nella famiglia anagrafica rispetto a quello che hai dichiarato nel Quadro B, devi presentare una nuova dichiarazione compilando la sezione “Dichiarazione di variazione dei presupposti”.
La trovi sempre nel Quadro B del modello di dichiarazione sostitutiva.

 

Ho attivato una nuova utenza elettrica per la prima volta quest'anno e non ho la tv. Quanto tempo ho per presentare la dichiarazione di non detenzione?

Se non sei titolare di un'altra utenza residenziale, hai tempo fino al mese successivo alla data di attivazione per presentare la dichiarazione ed essere esonerato dal pagamento del canone.

La dichiarazione presentata dopo tale scadenza ha effetto secondo i termini previsti per le utenze elettriche già attive.

Per il 2016, se hai attivato una nuova utenza tra gennaio e marzo, hai tempo fino al 16 maggio per presentare la dichiarazione sostitutiva.

L'intestatario dell'utenza elettrica è deceduto e ho dimenticato di effettuare la voltura. Come devo fare per pagare il canone?

La voltura è obbligatoria indipendentemente dal canone Rai. È gratuita se l'erede è convivente ed è a pagamento se l'erede non è convivente.
Una volta effettuata la voltura verrà comunicato all'Acquirente Unico il dato del "nuovo cliente" e dal mese successivo scatterà l'addebito.
Nel caso di mancato pagamento di alcune bollette da parte del precedente intestetario sarà cura dell'Agenzia delle Entrate procedere nel modo più opportuno.